Oleificio Punzo

L’0ro verde: storia dell’olio dagli antichi Egizi ad oggi.

Il vino che rallegra il cuore dell’uomo, | l’olio che gli fa risplendere il volto.” (Salmi)

La testimonianza che l’olio di oliva sia uno dei migliori alleati per il benessere del corpo sta proprio nelle origini della sua storia: le prime traccie di olive coltivate risalgono a circa 6.000 anni fa, in Medio Oriente, dove l’olio veniva utilizzato come unguento per la pelle e come medicinale. Intorno al 2.500 a.c. il codice Babilonese di Hammurabi già regolava e controllava la produzione e il commercio dell’olio di oliva, così come in Egitto nel 1300 a.c. i rami d’olivo erano uno degli ornamenti principali delle tombe dei Faraoni.

Ma il boom dell’olio di oliva fu tutta opera del popolo Greco, che nell’olio trovò la fonte primaria di commercio e produzione, diffondendo il suo utilizzo fra gli abitanti della popolazione, non solo come unguento per il corpo, ma anche come base per la dieta mediterranea.  

A partire dal VIII a.c., con la colonizzazione greca dell’Italia Meridionale, la coltivazione dell’olivo si sparse in tutta la Magna Grecia e diventò  uno degli elementi principali del commercio mediterraneo. Con il dominio Romano, l’olio fu esportato in tutta Europa, e furono identificate 5 tipologie di olio diverse a seconda del momento della spremitura, e addirittura imposero il pagamento di certi tributi sotto forma di olio di oliva. Con la caduta dell’Impero Romano e le invasioni barbariche, ebbe inizio un periodo di decadenza per l’olio di oliva, le cui coltivazioni cominciarono a sparire in tutta Europa. Gli unici che si curarono di conservare e continuare la coltivazione di questa importantissima pianta furono i Monasteri, che dopo l’anno Mille furono fondamentali per riprendere la coltivazione dell’olivo.

La rinascita vera e propria ci fu poi con gli scambi internazionali verso Oriente ed Europa del Nord, dove mercanti veneziani, fiorentini e genovesi lo esportarono  nuovamente in tutto il mondo. Da quel momento in poi, l’olio non è mai mancato sulle tavole del mediterraneo.  Ad oggi l’olio d’oliva è una parte fondamentale della nostra dieta.

 

Erlinda Guida

Commenti (0)

Lascia un Commento